Gli abusi sono iniziati in tenera età e andati avanti fino a quando la ragazzina ha compiuto 18 anni. Dopo un ricovero in ospedale, ha trovato la forza e il coraggio per denunciare le violenze subite.

l’agghiacciante episodio di cronaca la cui vittima è una 12enne abusata in famiglia per 6 lunghi anni è accaduta in liguria. La vittima racconta:

“Vivevo con mamma e il suo fidanzato, nello Spezzino, avevo 12 anni quando il mio patrigno ha iniziato ad abusare di me”.

Una testimonianza che è stata ritenuta “genuina e attendibile” malgrado gli inevitabili danni psicologici causati dai ripetuti abusi. Ad avvalorarla anche la confessione del patrigno che ha ammesso le violenze commesse nei confronti della ragazzina.

Un dramma nel dramma per una bambina che iniziava ad affacciarsi alla vita e ne conosceva subito il suo lato più mostruoso. Mostri tutti coloro che avrebbero dovuto amarla e proteggerla: la sua famiglia.

La madre oltre a permettere i ripetuti abusi, segnava le date degli stessi sul calendario,

Gli imputati, arrestati un anno fa dopo la denuncia della ragazza, hanno chiesto il processo con rito abbreviato per poter usufruire sullo sconto di un terzo della pena. Oggi sono liberi. In attesa che la sentenza emessa venga confermata in secondo e terzo grado.

Claudio Greggio presidente dell’associazione Una Vita Sottile commenta: “oltre al danno la beffa, i carnefici sono liberi in attesa che si apra il processo di secondo grado, anche se condannati a 10anni in primo grado. Nessuno pensa a questa povera ragazza? ahh già e vero, per lei ci sono i servizi sociali”.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia