Succede a viterbo il il 31 Luglio, un altro incivile ato di prelevamento forzoso dio un bambino alla sua mamma, attuato nella maniera più violenta possibile, cosa che non viene messa in atto nemmeno, per scovare i capi mafia.

Un bambino malato di epilessia si è visto portato via di forza dalla casa materna, dove veniva accudito e curato in maniera esemplare. Dietro questa sottrazione ancora una volta la PAS Sindrome di alienazione parentale, molto gettonata nelle aule della giustizia minorile e tra i servizi sociali.

Si deve continuare a riempire queste case famiglia, nonostante il palese fallimento di tale progettualità, e tutti gli scandali legati ad interessi economici di cui ormai la stampa nazionale e l’intera popolazione italiana conosce.

Il padre dichiara ai servizi di aver fatto un passo avanti nella cura del figlio ed ecco che come per magia appare la PAS che colpevolizza la madre a tal punto da portare come unica soluzione l’allontanamento del bambino dalla casa materna per collocarlo in primis presso una casa famiglia e successivamente presso il padre.

Lo stesso padre che ora dice che il piccolo non ha subito “contraccolpi” dall’allontanamento. Chi ci crede?? come si può minimamente pensare che un bambino possa stare bene, catapultato in una realtà improvvisa, in maniera brutale e forzosa, come si può credere che questo sia un passettino avanti, questa è una vergogna, e null’altro.

Claudio Greggio presidente dell’Associazione Una Vita Sottile commenta: “azione riprovevole che va condannata, neppure ai capi mafia latitanti da anni, durante la cattura è stata riservata così tanta violenza. Le forze dell’ordine dovrebbero tutelare l’inclumità delle famiglie in questi episodi, invece sono gli agenti stessi a creare un clima di violenza inaudita”.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia