Ogni giorno assistiamo impotenti alla sottrazione di bambini all’affetto dei genitori, bambini che vengono staccati con la forza dalla braccia della loro mamma ad opera dei servizi sociali, su decisione del tribunale per i minorenni o a seguito di separazioni turbolenti dal tribuinale civille. Questi giudici, sottraggono bambini dal nucleo familiare prendendo come oro colato le relazioni superficiali e talvolta prive di fondamento redatte dalle assistenti sociali o dagli psicologi forensi. Dietro a tutto questo ci sta un vero e proprio business. Pensate che nella maggior parte dei casi le sottrazioni, questi rapimenti di stato, avvengono con l’ausilio di polizia e carabinieri con pistole e mitragliette, come stessero per catturare dei pericolosi criminali, l’unica grande differenza però, è che questi sono bambini e le uniche loro armi sono giocattoli di peluches e macchinine, e il loro pensiero, la loro voce, è un pianto, uno strillo, un grido di disperazione che urla mamma… Sono bambini che vengono strappati con la forza dalla loro famiglia e dai loro giochi, bambini e che resteranno traumatizzati a vita.

Con la legge 54 del 2006 sulla bigenitorialità si è diffusa nei tribuinali italiani la così detta PAS o Sindrome di Alienazione Parentale, molti bambini infatti vengono sottratti alla mamma perchè definita alienante o incurante. La PAS fin dal momento della sua proposizione nel 1985; essa non è, infatti, riconosciuta come un disturbo mentale dalla comunità scientifica. Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) non riconosce la PAS come sindrome o malattia: nella quarta edizione del Manuale infatti, la PAS non è nemmeno menzionata  e neppure nella più recente edizione (DSM-5) del 2013, in ragione della sua ascientificità a causa della mancanza di dati a sostegno.

La stessa corte di Cassazione ha inteso affermare il principio generale per cui il giudice non deve basarsi su un “giudizio astratto sulla validità o invalidità scientifica della suddetta patologia” (la PAS), controversa nella comunità scientifica, bensì “accertare la veridicità in fatto” dei comportamenti all’origine della crisi della relazione genitoriale, poiché “tra i requisiti di idoneità genitoriale rileva anche la capacità di preservare la continuità delle relazioni parentali con l’altro genitore”. Comportamenti volti a denigrare la figura dell’altro genitore o più in generale ad ostacolare la continuità delle relazioni parentali possono quindi essere considerati come indice di una diminuita capacità genitoriale e, nei casi più gravi, possono superare la soglia della rilevanza penale, configurando il reato di maltrattamenti in famiglia e determinando la revoca della potestà genitoriale.
Da ultimo, in una ordinanza del 2021, la Cassazione ha ribadito questo orientamento e ha affermato che la sindrome da alienazione parentale (PAS) e la sindrome della madre malevola (MMS), in quanto patologie non riconosciute scientificamente, sono di per sé inidonee a giustificare un provvedimento di affidamento esclusivo rafforzato a favore di un genitore, essendo invece necessari elementi ulteriori che dimostrino la mancanza di competenze genitoriali dell’altro genitore.

Rapiti dalla Giustizia. Alcuni macabri episodi

Denuncia il marito per le violenze e rischia di perdere la figlia.

Laura Massaro: “Viviamo nel terrore, da domani potrebbero portare via mio figlio”

Accusata di ‘alienazione parentale’ alla fine di una separazione conflittuale, combatte da anni perché non le venga sottratto il bambino. Adesso però il tribunale per i minori di Roma ha deciso che il piccolo debba andare in una casa famiglia, in un luogo segreto e senza più rapporti con la madre.

“Ho denunciato le violenze del mio compagno e mi hanno tolto mia figlia. Non la vedo da 9 anni”. La storia di Ginevra Amerighi

Ginevra non vede sua figlia Arianna da 9 anni per un provvedimento provvisorio del tribunale dei minori.

Queste sono solo alcune delle macabri storie che ogni giorno affollano i quotidiani nazionali, tante sono le manifestazioni in corso da varie associazioni e mamme a cui per causa della fantomatica PAS sono stati prelevati i bambini con la forza. Questi allontanamenti creano nei bambini e nella madre traumi idelebili.

Ecco perchè l’Associazione Una Vita Sottile, inttende con la nuova campagna “Settimana della Memoria dei Bambini Rapiti dalla Giustiza” riaffermare con forza il diritto del bambino a vivere con la propria famiglia, lo stato di indigenza di un genitore o una separazione turbolenta, non sono motivazioni per cui sottrarre un bambino dai suoi affetti, magari per affidarlo ad un genitore violento o ad una casa famiglia. Sulla pelle dei bambini si è creato un vero e proprio business milionario. Un bambino in una casa famiglia, costa allo stato 350euro al giorno, se destinassimo anche solo la metà di questo denaro al genitore indigente, eviteramo traumi indelebili al bambino e alla sua famiglia.

Con questa campagna intendiamo sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei bambini rapiti dalla giustizia, è ora di dire basta al potere assoluto di assistenti sociali, psicologi forensi e giudini onorari che con le loro relazioni e sottrazioni di bambini, alimentano un business, creando traumi e ferite che non si rimargineranno mai più.

Bambini sottratti ingiustamente alla mamma dai servizi sociali

Il caso della mamma Pia Provenzano, donna sordomuta a cui sono stati sottratti i bambini per affiarli alla cognata, sorella del padre dei bambini, che ha massacrato Pia con sistematiche aggressioni.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia