Professionisti, consulenti universitari, pensionati e impiegati, tutti insospettabili nella maxioperazione anti-pedopornografia che ha visto impegnati oltre 300 uomini della polizia Postale che hanno eseguito perquisizioni e arresti, in 53 province e 18 regioni.

Gli agenti hanno lavorato per diversi mesi sotto copertura su Telegram e WhatsApp, arrivando così a smantellare 16 associazioni criminali ed identificare oltre 140 gruppi pedopornografici.

Sono 432 le persone coinvolte in tutto il mondo di queste 81 sono italiani. Due italiani coinvolti dell’operazione promuovevano e gestivano gruppi pedopornografici, organizzandone l’attività.

Una delle persone arrestate, un impiegato 60enne, deteneva 30.800 file con immagini raccapriccianti e video con «torture» su bimbi di appena 6 mesi.

Il 35% degli 81 italiani indagati dalla Postale milanese si concentra tra Lombardia e Campania. Tra questi ci sono un 71enne napoletano di professione ottico e un 20enne veneziano disoccupato.

In ogni canale Telegram e WhatsApp c’erano regole ben precise per limitare dal massimo l’esposizione e il possibile tracciamento da parte delle forze dell’ordine. Appena c’era il sentore di un pericolo, l’utente veniva espulso dal gruppo.

Oltre allo scambio di video e immagini di violenze su bambini, in alcuni casi i presunti pedofili individuati nel maxi blitz avrebbero offerto anche la possibilità di arrivare ad avere «contatti diretti» con minori vittime di abusi.

Claudio Greggio, presidente dell’Associazione Una Vita Sottile commenta: “Otimo il lavoro degli inquirenti e degli investigatori della polizia, ma è importante anche individuare le piccole vittime, dare un nome ai neonati coinvolti è una priorità individuando con essi anche eventuali complici”. E continua: “questi bambini hanno dei genitori, bisogna localizzarli, a quell’età potrebbero essere nuovamente in pericolo”.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia