Non c’è davvero limite al peggio e a quello che certi bambini sono costretti a subire dalle istituzioni preposte ad aiutarle. Siamo a Roma, una dodicenne allontanata dalla famiglia su disposizione del tribunale eseguito asd opera dei servizi sociali, vine collocata in una casa famiglia.

Seguita da una tutrice la 12enne, una donna che minimizza i fatti. Semplicemente vergognoso.

In questa casa famiglia la dodicenne subisce ripetuti abusi sessuali da parte di un educatore, di questi abusi, la vittima trova il coraggio di parlarne con la madre, un amadre diffidata dal presentarsi in comunità con le forze dell’ordiene e diffidata proprio dalla tutrice su disposizione del tribunale.

Non conosciamo i motivi per cui questa bambina fosse stata tolta alla madre, sicuramente visto l’interesse del tribunale minorile per questa vicenda, possiamo presupporre per l’ennema relazione delirante di qualche psicologo forense o dei servizi sociali.

Claudio Greggio presidente dell’Associazione Una Vita Sottile commenta: “i primi resposabili di questi episodi di violenza e abuso, sono i giudici minorili, sono questi giudici che andrebbero arrestati, abusatore che non possiamo definirlo educatore andrebbe messo in cella e buttata la chiave, e stesso tratamento anche per la tutrice”.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia