Una professoressa del liceo Montanari di Verona, esige che l’interrogata si copra gli occhi per essere certa che non legga le risposte. Da quello che si apprende dalla rete degli studenti medi del Veneto, questo non sarebbe il primo episodio e non uno isolato, si parla di insegnanti che impartiscono umiliaizoni di ogni genere: chi interrogato con il viso contro al muro, chi con le mani alzate, chi con il viso schiacciato sullo schermo.

“Un eccesso di zelo” ha definito il dirigente scolastico quando ha appreso della notizia e conferma di aver aperto un procedimento per effettuare delle verifiche.

Sembra che un voto valga più della dignità e dello studente, situazioni vergognose che sono frutto di un sistema di valutazione che non funziona. Claudio Greggio presidente dell’Associazione Una Vita Sottile commenta a freddo la vicenda e afferma: “Chissà perchè i nostri ragazzi devono imparare soffrendo quello che si può imparare ridendo, non sono parole mie, ma dello scrittore, poeta e pedagogista, Gianni Rodari. La scuola Italina già provata da tagli di bilancio ministeriali e sulle materie, con la pandemia da Covid-19, ha veramente toccato il fondo, urge una riscostruzione, non solo dei rapporti umani e sociali, ma anche della scuola che in questo periodo è venuta ulteriormente a mancare.

Continuamente ci chiediamo il motivo per cui i nostri ullustri universitari e ricercatori o ragazzi giovani, lasciano l’Italia per nuovi sbocchi in particolare da alcuni anni a questa parte la meta è l’Australia. Io credo che la domanda sia pressochè retorica in quanto l’italia non offre sbocchi ai giovani, sia dal punto di vista scolastico che del lavoro”.

Alla base di una pratica discutibile, c’è un difetto del nostro sistema scolastico che nasce ben prima del Coronavirus, e questo difetto si chiama estinzione del sociale.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia