Una madre di circa 30 anni ha messo all’ asta i propri figli, un maschio e una femmina di meno di 10 anni, su ebay. Molte persone hanno partecipato all’asta facendo diverse offerte ma, fortunatamente, qualcuno ha ritenuto necessario segnalare il fatto alle autorità che hanno immediatamente oscurato la pagina dell’utente.

La donna si è difesa dichiarando che si trattava di uno scherzo, ma i servizi sociali non l’hanno pensata così e adesso l’incauta madre rischia di perdere i bambini.

La vicenda ha destato moltapreoccupazione non solo per il gesto insano della donna e per i numerosi acquirenti che avevano preso parte all’asta, ma anche per l’ impatto psicologico che questa storia potrebbe avere sui figli, trattati alla stregua di oggetti usati.

Claudio Greggio presidente dell’Associazione Una Vita Sottile commenta: “non sono per gli allontanamenti facili, ma in questo caso specifico credo sia la soluzione migliore, allontanare i bambini dalla famiglia, credo sia un modo per salvarli anche da situazione spiacevoli future”.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia