La sinergia dell’Associazione Una Vita Sottile, e dei ragazzi del “Sindacato dei Bambini” e il fondamentale supporto dei medici dell’ADM Associazione Diritti del Malato, hanno permesso di individuare e poter aiutare e garantire giuste cure ad una bambina di 9 anni.

Vittima di maltrattamenti con quella che è una sindrome rara e discutibile e non di facile riconoscimento, la sindrome di Münchhausen per procura una malattia simulata o provocata al bambino, solitamente da un genitore.

Si tratta di una forma di abuso in cui un genitore o un’altra persona che si prende cura del bambino, come un genitore affidatario o un genitore adottivo, simula o provoca una malattia del bambino.

La vittima, una bambina di 9anni le cui analisi cliniche non davano valori di malattia, era soggetta per causa della madre ad assumere pesanti farmaci per provocarle un malessere fisico e le successive cure mediche presso strutture ospedaliere.

Scoprire che si trattava della sindrome di Münchhausen per procura, l’occhio attento del direttore ADM Claudio Greggio e dell’equipe medica del gruppo.

La bambina ora si trova ricovera in ospedale per accertamenti e la procura minorile ha disposto la limitazione della potestà genitoriale, la madre dovra essere vista da centri specializzati di salute mentale. Con la bambina sono presenti a turno i ragazzi del “Sindacato dei Bambini” e i volontari di Una Vita Sottile. Quando dimessa sarà affidata agli zii paterni.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia