E’ in costante aumento il numero delle studentesse italiane che per mantenersi offrono sé stesse in cam o dal vivo, per serate hot o per accompagnare uomini facoltosi. Ma perché lo fanno?


Si parla di un cane che si morde la coda, di un sistema che come sempre fa acqua da tutte le parti: mancano i soldi e tutto costa, ma non c’è lavoro che paghi in modo adeguato. Così giovani studentesse universitarie, la maggioranza tra i 21 e i 26 anni, cercano di mantenersi vendendo sé stesse. Difficoltà economiche, affitti alle stelle, studi costosi, carenza di lavoro; e i soldi facili servono.

Ma i soldi facili sono anche un obbiettivo allettante: arrancare non piace a nessuno. C’è chi non lo farebbe mai, se non fosse costretta dalle circostanze. C’è chi invece potrebbe scegliere qualcos’altro e non lo fa. Ma una domanda serpeggia nell’aria, anche per quest’ultimo caso: perché non avere il diritto di realizzare i propri sogni e di non vivere una vita caratterizzata dalla mediocrità lavorativa ed economica?


La precarietà, di lavoro, di studio, di certezze è davvero tanta; i problemi economici sono spesso insormontabili e le possibilità di realizzare i propri sogni lavorativamente parlando, in Italia, è impresa molto ardua. E’ facile quindi cadere in tentazione. Il mercato delle studentesse in vendita passa ancora sotto silenzio o quasi nel nostro Paese, ma esiste e non accenna a scomparire: magnaccia di sé stesse, queste ragazze si costringono a una schiavitù senza nemmeno rendersene conto.

#

No responses yet

Lascia un commento

Come usare il blog

Per commentare gli articoli è necessario essere registrati al sito.

Viene richiesto quindi un buon comportamento, cioè di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di impegnarsi ad agire con rispetto ed onestà sia verso gli altri utenti, sia verso l’amministratore, pubblicando solo messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere.

L’amministratore si riserva la facoltà di chiudere i commenti, bannare od espellere gli iscritti in caso di comportamento non consono.

Associazione Una Vita Sottile
Archivi
Disclaimer

Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di fonti da noi considerate attendibili. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale ” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Una Vita Sottile, del Gruppo ETAV o delle associazioni ad esso aderenti.

Nomi, marchi e alcuni testi presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.

Sito registrato presso l’ass.ne italiana siti contro la pedofilia